Un sogno che non muore

COPERTINA

Un romanzo d’amore diverso, travolgente, dinamico, sono questi gli ingredienti che rendono unica e atipica la  narrazione. Una storia comune, la storia di una studentessa universitaria come tante, allontanatasi dal suo paese e dalla sua famiglia per realizzare un sogno. Una vita semplice che viene però stravolta dall’arrivo di un ragazzo che la cambierà per sempre. Il romanzo è intenso, è una sorta di viaggio senza sosta dove il lettore si ritrova catapultato in un’altra realtà. La narrazione ripercorre forse una delle fasi più belle della vita, quella dell’innamoramento, garantendo al lettore la possibilità di farsi coinvolgere, vivendo la storia attraverso gli occhi dei protagonisti e non tralasciando colpi di scena…

L’AUTRICE: Pascaline Maria Solimine è una giovane laureata in Economia e Commercio, oggi alla guida di uno studio commerciale di consulenza aziendale e finanza agevolata. Nata in Francia, l’esordiente scrittrice attualmente vive a Trevico, paesino situato nell’Irpinia. La passione per la scrittura la porta oggi al suo primo lavoro letterario: Un sogno che non muore edito dalla Michelangelo 1915 Editore; lavoro iniziato durante il periodo universitario e concluso solo negli ultimi tempi. Racconto che sarà presentato il prossimo 12 dicembre ad Avellino.

80 Voglia di Volare

80 VOGLIA COPERTINA

Il romanzo offre una visione particolareggiata degli anni ‘80 che forse, più di tutti, hanno caratterizzato la storia del nostro Paese. Scritto a sei braccia dai tre autori già conosciuti agli occhi del pubblico locale, il racconto offre una panoramica dettagliata di quel periodo. Una storia che ripercorre le esperienze vissute in prima persona dagli autori nonché protagonisti: Pietro Damiano, Felicetta Simonetti e Francesco Iervolino. Storie di fanciulli diventati poi adulti che vivono e vedono attraverso i loro occhi lo sviluppo di una società fino ad allora rimasta indietro rispetto alle altre, realtà quotidiane che lasciano spazio alla consapevolezza dell’esistenza di un altro mondo, quello che si vede in televisione, quello che i protagonisti conosceranno grazie ad esperienze e viaggi talvolta brevi. Nuove città nuove realtà affolleranno gli occhi e le menti dei protagonisti. Il racconto offre al lettore la possibilità di fare un tuffo nel passato ritrovandosi bambini, in quell’età dove tutto è visto con stupore, con meraviglia, dove tutto sembra irraggiungibile, fino ad arrivare all’adolescenza, con la voglia di andare via, con la voglia di farcela. Le storie si susseguono veloci, ripercorrendo l’intero decennio e con esso esperienze, preoccupazioni, sconfitte e vittorie che, nonostante il passare degli anni e il susseguirsi degli eventi, continuano ad accomunare generazioni di ogni tempo!

Villaggio Preistorico

VILLAGGIO PREISTORICO -

Una storia, un racconto, un’avventura ambientata nel mondo antico delle terre nolane. Il fumetto come veicolo ideale per arrivare ai lettori. Attraverso gli occhi di un adolescente, rivive la tremenda eruzione del Vesuvio che, nell’Età del Bronzo Antico, devastò le popolazioni che abitavano lungo il territorio napoletano, fino ad Avellino. La storia/fumetto intende riproporre nozioni preziose sulle vicende che hanno interessato il territorio che – pur se molto vicine – sono tra le più lontane e meno conosciute.

Anni Rossoneri

ANNI ROSSONERI

Luigi Nunziata, con il contributo di interessanti aneddoti e di lucidi ricordi, ricostruisce le vicende societarie e agonistiche della Palmese. Una rivisitazione che si articola in 33 capitoli, nei quali la testimonianza storica , tenuta sempre ben lontana da ogni enfatica esasperazione, risulta ancorata a una lettura degli eventi sicuramente appassionata, ma sempre oggettiva.

San Biagio

SAN BIAS - PELUSO

Come rileva lo stesso Autore, Biagio Peluso, «di San Biagio non si conosce nulla con certezza […] e i suoi Atti, che contengono la cronaca del suo martirio, sono non solo tardivi ma anche leggendari». L’opera “San Biase, ‘o sole pe’ case” costituisce una suggestiva e puntuale descrizione del culto e della festa di San Biagio, protettore di Palma Campania.

Da Ariston a Zara

DA ARISTON A ZARA

Pasquale Gerardo Santella ripercorre, attraverso la costruzione di un contenitore di sequenze, disposte in ordine alfabetico, la storia dei due cinema di Palma Campania, Ariston e Zara. E vista la coincidenza con le lettere che fanno da estremi all’alfabeto, realizza un abbecedario di ricordi, esperienze, testimonianze, comportamenti, sogni, gesti, episodi, sentimenti, curiosità, tutti architettati per voler esprimere un atto d’amore verso il cinema e il suo pubblico.

Alberto Latina

Alberto Latina

Un giovane carabiniere, una vicenda d’amore, una città del Sud Italia ricca di storia e di tradizioni, l’alto senso del dovere e valori altissimi di attaccamento alle Istituzioni, alla legalità, alla famiglia, alla pace tra gli esseri umani: sono questi gli ingredienti che, sapientemente sviluppati da Giacomo Battipaglia e Antonio Angelo Guglielmi, rispettivamente autore e coautore di “Alberto Latina, giovane carabiniere nella terra dei Gigli”, hanno dato vita a un racconto entusiasmante, capace di coniugare la fluidità della prosa alla profondità degli argomenti trattati, in un connubio che rapisce il lettore, trasferendo in lui i sentimenti e gli stati d’animo di Alberto, il giovane protagonista.

Fiera e Convento 400 Anni

Stampa

Il rifiorire ed il qualificarsi della ricerca archeologica e degli studi di storia patria, nei paesi dell’area vesuviana ed i preziosi ritrovamenti degli ultimi decenni, avvenuti nei territori di Palma Campania, Nola, San Paolo Belsito, Ottaviano, Poggiomarino, Sarno e Striano, hanno risvegliato e rinvigorito nell’autore la giovanile passione per la conoscenza del suo territorio d’origine ed in particolare per il suo paese natale: San Gennaro Vesuviano.